Lettera del presidente

Miquel Roca i Junyent

Le fondazioni svolgono un ruolo fondamentale nel progresso della società: il sostegno che prestano alla ricerca, alla cultura, alla formazione e ad altre attività d’interesse generale, in uno sforzo compiuto con la finalità di fornire una risposta a problemi del contesto in cui viviamo, è essenziale per conservare l’equilibrio sociale e soddisfare quei bisogni trascurati dalle risorse del settore pubblico.

Nell’attuale ambito socio-economico, dominato da una crisi di portata mondiale, l’importanza di tale funzione è più che mai confermata, non solo per la capacità delle fondazioni di realizzare un’azione complementare ai fondi della Pubblica Amministrazione, ma anche per la loro possibilità di creare opinione pubblica e di stare a pieno titolo tra gli esponenti della realtà del paese.

Questo è il pensiero della fondazione abertis la quale non solo è riuscita a mantenere i suoi impegni nel 2008, ma è stata in grado di darsi un impulso internazionale, con l’apertura di una nuova sede a Roma, consolidando il proprio rigore e la propria professionalità e avvicinandosi maggiormente alla società.

La fondazione abertis ha formato, nel 2008, un Consiglio Scientifico costituito da persone di spicco nell’ambito dell’università e della ricerca scientifica il cui compito sarà quello di valutare i progetti di ricerca. Alcune personalità come il naturalista Martí Boada e la demografa Anna Cabré, oltre all’economista Andreu Mas-Colell, all’esperto in sicurezza stradale Luis Montoro, al politico e giurista Gregorio Peces-Barba e al biologo, nonché esperto dell’Amministrazione, Pere Torres, avallano la linea di ricerca sostenuta dalla fondazione.

Nel campo della Sicurezza Stradale, la fondazione abertis ha ridefinito i propri obiettivi per lavorare in collaborazione con la pubblica amministrazione, focalizzando le proprie azioni su un target giovane, d’età compresa tra 18 e i 25 anni, che sono il settore principalmente colpito negli incidenti di traffico. In tal modo, la fondazione intende, ancora una volta, fornire una risposta a un problema sociale. La fondazione ha, inoltre, intensificato il suo dovere di divulgare le proprie conoscenze, mediante il ciclo di conferenze dal titolo “Mobilità responsabile. Valori in movimento” a Valencia e a Madrid.

Per quanto riguarda i rapporti con la comunità, la fondazione ha proseguito la propria azione d’appoggio offerta a importanti istituzioni culturali e artistiche nonché la collaborazione con altri enti che promuovono lo sviluppo socio-economico.

Grazie a questi progressi, la fondazione abertis ha potuto formare una solida base grazie alla quale poter affrontare un evento storico nella propria traiettoria: la celebrazione del suo decimo anniversario nel 2009. Un anno in cui, senza dubbio, acquisterà una grande importanza il raccorciamento delle distanze tra mondo delle imprese e società; pertanto la fondazione abertis continuerà a scommettere sul proprio operato.

Firma de Miquel Roca i Junyent

Miquel Roca i Junyent