Logo fondazione abertis

» Progetti Cultura


Esposizione a Saragozza: "Le radici dell'arte contemporanea nella Fondazione Francisco Godia" 2006

Museo Pablo Gargallo, 21 giugno -10 settembre 2006

La fondazione abertis, la Fondazione Francisco Godia e il Comune di Saragozza hanno presentato nella città aragonese la mostra "Le radici dell'arte contemporanea nella Fondazione Francisco Godia", comprendente opere di 23 artisti provenienti dalla collezione del mecenate Francisco Godia Sales (Barcellona, 1921-1990).

La mostra conteneva opere realizzate dai pionieri della modernità come Hermen Anglada-Camarasa, Francesc Gimeno, Joaquim Mir, Isidre Novell, o Josep Maria de Sucre. Si potevano, però, anche apprezzare opere d'arte contemporanee realizzate tra il 1920 e il 1950, come quelle di José de Togores, Joaquín Torres García, Julio González, Pere Pruna, Óscar Domínguez, Antoni Clavé o Ismael de la Serna. Inoltre, nella mostra erano presenti in pieno la seconda avanguardia, con lavori di Juan Genovés, Josep Maria Subirachs o Jorge Castillo, e l'attualità, con una scelta di opere di Miquel Barceló, Modest Cuixart, Hans Hartung, Josep Guinovart, Piero Manzoni, Joan Ponç, Josep Riera i Aragó e Josep Uclés.

La mostra intende ricostruire il discorso storico sull'arte del XX secolo da un punto di vista nuovo che, al di là delle scuole e dei movimenti, concede protagonismo agli artisti. Tra le opere presentate è stato di grande rilievo un doppio olio -recto e verso- di Óscar Domínguez, che mostra molto esplicitamente l'impatto esercitato dalle avanguardie sulla sensibilità degli artisti del dopoguerra. Un altro degli autori che ha simboleggiato i mutamenti e i cambiamenti di sensibilità dell'arte contemporanea è stato Joaquín Torres-García, del quale sono state esposte due opere: la "Figura femminile", del 1928, che proponeva la rappresentazione ideografica, e "Costruttivo piano di colore e grafica", del 1936. Per quanto riguarda invece i dipinti di artisti attuali, il più importante sono stati il "Rinoceronte" (1981) di Miquel Barceló, un Cuixart ("Pittura", del 1959), un Guinovart del 1959 e la "Composizione" di Hans Hartung (1958).

Mostra: Le radici dell'arte contemporanea

Mostra: Le radici dell'arte contemporanea
torna[ su ]